Chronovisor videos

vp8671

New Member
Joined
Jan 17, 2014
Messages
22
Quanti italiani siamo qui ? , comunque, prima di venire bannato, qualcuno sa di Ferlini ? pare che abbia inventato per caso una specie di teletrasporto solo con dei magneti disposti ad anello , tipo stargate per intenderci. Volevo aggiungere anche questo fattoide su questo scienziato italiano. Ho provato a realizzarlo in piccola scala con dei magneti al Nidb, ma niente, secondo me la chiave per tutto e' incrociare campo elettrico e magnetico, sono al punto di essere sicuro al 100% che la gravita' che regola il tempo e' il vettore di Poyinting
 

Armeno

Junior Member
Joined
Aug 29, 2018
Messages
79
Quanti italiani siamo qui ? , comunque, prima di venire bannato, qualcuno sa di Ferlini ? pare che abbia inventato per caso una specie di teletrasporto solo con dei magneti disposti ad anello , tipo stargate per intenderci. Volevo aggiungere anche questo fattoide su questo scienziato italiano. Ho provato a realizzarlo in piccola scala con dei magneti al Nidb, ma niente, secondo me la chiave per tutto e' incrociare campo elettrico e magnetico, sono al punto di essere sicuro al 100% che la gravita' che regola il tempo e' il vettore di Poyinting
Non credo molti, ma di sicuro solo io e Tourist seguiamo esclusivamente Little Doctor, complimenti per i tuoi esperimenti,certo che tu potessi avere il supporto di Little Doctor saresti molto avvantaggiato,lui non risponde mai a nessuno,fila dritto per la sua strada,anzi la sua spirale,ma forse a te potrebbe rispondere,in cambio "noi" non divulgheremo a chi apparteneva il corpo carbonizzato trovato nell'auto incendiata nella proprietà di villa Sfacciata,forse un frate che aveva intenzione di rivelare che essa era il vero rifugio del discendente Armeno,specialmente nei periodi estivi,dato che occorrono pochi minuti per raggiungere la villa partendo dalla Certosa di Firenze.
 

vp8671

New Member
Joined
Jan 17, 2014
Messages
22
Grazei Armeno, anni fa ero molto piu' attivo nel gruppo antigravity, dove svolgevamo molti esperimenti autofinanziandoci, poi e' entrato a farne parte un certo Kosol, uno svirgolato new age, e di li' e' andato tutto a rotoli, il tutto si e' trasformato in scienza da quattro soldi alla new age. Ho costruito un dispositivo seguendo i suoi consigli ed ho avuto dei parziali risultati, pubblicati in un libro uscito molti anni fa. La mia strada e' quella , incrociare i campi, credo che anche i ragazzi della ASPS , stiano facendo un qualcosa di molto simile, ma loro sono stati sovvenzionati a quanto pare.
 

tolarianwiz

New Member
Joined
Sep 28, 2020
Messages
2
Buonasera signori, negli ultimi 5 giorni ho scoperto e letto per intero questa discussione e quelle sugli altri forum. Sono arrivato a questa storia per "caso". In breve, alcune "coincidenze" mi hanno portato qui. Nonostante io sia molto razionale per natura, non posso fare a meno di credere che esista (come diceva Evola) "un istante fuori dal tempo su cui fare perno per ridestare le assopite, ma sempre intatte, energie spirituali, che giacciono in corrispondenza dell’Axis Mundi". Le coincidenze di cui parlavo sono le seguenti: ho preso la decisione di abbandonare gli studi (Fisica) per prestare servizio come paracadutista nella Brigata Folgore, profondamente ispirato dalla figura di Pio Filippani Ronconi e altri grandi "monaci guerrieri". Ho imparato le lingue antiche e praticato lo yoga della potenza, cercato il pericolo e la difficoltà quando possibile. Ho svolto il mio addestramento sulle colline livornesi. In particolare quello che mi ha portato a fare una ricerca in rete (e quindi arrivare a questa discussione) è stato il rimembrare qualche giorno fa un sogno che ho fatto una notte esattamente all'Eremo di S.Maria alla Sambuca durante un bivacco "involontario". Tra tutti i sogni fatti in vita mia certamente il più destabilizzante. Coincidenza vuole che io sia anche il più giovane (e probabilmente l'ultimo) parlante Cimbro esistente, e che abbia consacrato la mia adolescenza a documentare questo crogiuolo primordiale di cultura/spiritualità guerriera rimasto intatto sotto il peso della storia moderna. Coincidenza vuole che io abbia stretto rapporti con la famiglia di Bruno Schweizer (dottore dell'SS-Ahnenerbe inviato da Himmler in Lessinia) per avere ciò che resta della sua documentazione dopo il rogo della loro casa da parte degli americani nel '45. Coincidenza vuole anche che su quei documenti sia citato Leale Martelli.
Al glorioso 5 El Alamein di Siena qualcuno ricorda ancora il Caporale. Che splendido animale il loppide.
Su quelle colline oltretutto vivono i ricordi della mia migliore gioventù, credo che sia ora di tornarci a fare quattro passi, stavolta con un po' più di tranquillità...forse.
Non sono nessuno e non ho nessun ruolo, ma (citando Filippani Ronconi) se ascolto attentamente sento sempre più vicino l'istante “apicale” del divenire della storia, come se fosse nel cavo fra due onde, un attimo prima che rovinino in basso.
 

Armeno

Junior Member
Joined
Aug 29, 2018
Messages
79
Buonasera tolarianwiz,le coincidenze non esistono,i veri uomini si, infatti alcuni li hai citati nel tuo contributo che io definirei un colpo di scena,tu sembri appartenere a quella categoria di uomini a cui affidare i segreti del tempo e la magia del passato,con il tuo intervento stai rischiando che un Caporale avverta un Capitano che uno dei trenta sia già arrivato
 

tolarianwiz

New Member
Joined
Sep 28, 2020
Messages
2
Lungi da me giudicare quel che non conosco, prima di tutto me stesso.
Ancora non comprendo a fondo, quel che so per certo è che la terra freme.
Come disse qualcuno, forse senza sapere nemmeno perchè:

"Innescheremo la macchina della volontà per produrre domande che spostino cattedrali.
Affinchè tutto accada di nuovo oltre che nulla vada perduto.
Saremo il fatale prevalere dell'azione.
Per sempre, tutto comincia ora."
 
Last edited:

TOURIST

Junior Member
Joined
Sep 18, 2016
Messages
83
Salve Tolarian Wiz, testo notevole. Effettivamente parliamo per immagini oggi.
Ma volevo chiedere se potevi mostrare parte di quei documenti dove si cita Leale Martelli.
Sarebbe una notevole conferma per chi frequenta questa regione del web e legge questa incredibile storia.
Grazie
TOURIST
 

Armeno

Junior Member
Joined
Aug 29, 2018
Messages
79
Salve Tolarian Wiz, testo notevole. Effettivamente parliamo per immagini oggi.
Ma volevo chiedere se potevi mostrare parte di quei documenti dove si cita Leale Martelli.
Sarebbe una notevole conferma per chi frequenta questa regione del web e legge questa incredibile storia.
Grazie
TOURIST
Già, veramente incredibile questa storia,eppure io e te sappiamo che è tutto vero, anzi il bello deve ancora venire
 

LITTLE DOCTOR

Member
Joined
Sep 7, 2015
Messages
219
Ricordi, quanto sono importanti, grazie ad essi noi possiamo soffrire pur pensando ai giorni felici, il dolore, la nostalgia e la solitudine si amplificano nel momento in cui i ricordi dal cuore salgono alla mente, confesso, talvolta non vorrei ricordare, ma un uomo senza ricordi sarebbe come un disco mai inciso, un foglio mai scritto, una lacrima senza volto, non nascondo che ho versato tantissime lacrime sui miei ricordi e di ricordi io ne ho veramente tanti. Ma sembra proprio che altri in questa lunga ed estenuante discussione abbiano ricordi da condividere, ricordi di bivacchi presso antichi monasteri e sogni a dir poco destabilizzanti. No, non è una coincidenza, anche i guerrieri riposano, sognano e amano la propria terra, la loro cultura e si ispirano a grandi uomini, grandi ideali. In questo crogiuolo di ricordi primordiali, qualcuno ricorda pure un caporale, in quel di Siena. Verrà un tempo in cui qualcuno vorrà ripercorrere il suo cammino addentrandosi negli infiniti meandri di un immenso acquedotto sotterraneo che attraversa tutta la città, in cerca del sacro e poi si spingerà ai limiti dei confini per cercare di raggiungere la lontana isola di Pantelleria, per trovare pure il profano. Sappiate che quel caporale oltre al sacro e al profano, trovò dolore e solitudine e come usava sempre dire il capitano Leale Martelli ogni volta che gli si presentava l’occasione, “la solitudine non è altro che la sorella maggiore della morte, più subdola e più esperta, perché può farti sentire morto pur essendo ancora vivo”.

Tra non molto i miei ricordi diventeranno leggenda. Quando la leggenda sarà pure da altri tramandata e scritta a tal punto da fondersi con la storia dando così vita al mito, in quel preciso istante, io smetterò di ricordare poiché tutto starà per cominciare…
 

Top